La previsione di vendemmia 2016 Col Vetoraz!

La stagione di vendemmia è alle porte e i nostri tre soci, Francesco Miotto, Paolo De Bortoli e Loris Dall’Acqua, esprimono le previsioni dopo un attento esame dell’andamento stagionale e delle risposte fornite dalle diverse fasi di maturazione delle uve. L’inizio stagione  - spiegano - è stato difficile per lo sviluppo vegetativo della vite a causa di un periodo piovoso coincidente con la fioritura. Questo ha richiesto una maggiore attenzione perché le piante sono generalmente  più sensibili in queste condizioni. La colatura dei fiori è stata positiva perché i grappoli si sono sviluppati in maniera spargola, ciò ha favorito una maggiore aerazione quindi una maggiore possibilità di sviluppo vegetativo.

L’andamento stagionale è giudicato quasi perfetto. Nel mese di luglio si è registrato un periodo molto caldo ma di breve durata, circa una decina di giorni, la successiva pioggia ha contribuito ad abbassare la temperatura. In seguito, l’alternanza tra giornate soleggiate e piovose è stata ottimale perché questa è la condizione ideale per la maturazione delle uve bianche. La vicinanza della montagna resta sempre l’elemento che determina la differenza perché la sera scivola verso la collina aria che porta frescura, abbassando la temperatura fino a 15 o 16 gradi rispetto al giorno. In questo periodo si assiste ad una buona escursione termica con notti fresche e giornate miti, si sa attendendo un po’ di pioggia per avere un miglior completamento di  maturazione dell’acino, ma nel complesso le piante non sono in sofferenza.

Un fattore indispensabile per le varietà di uve a bacca bianca – sottolinea l’enologo Loris Dall’Acqua - è l’attenzione al ciclo respiratorio e ossido riduttivo della pianta: quando le temperature sono elevate é costante mentre con escursioni significative il ciclo rallenta il ritmo e proprio questo alternarsi permette la preservazione del patrimonio acido e l' eleganza aromatica”. L’inizio delle operazioni di vendemmia è previsto per il 19 settembre, perché si ritiene che quello sia il momento esatto per il raggiungimento del giusto punto di equilibrio tra maturazione e preservazione della forza acida. Ci sono quindi tutti i presupposti per una vendemmia 2016 ottimale, che garantisca il mantenimento dell’eleganza e del patrimonio aromatico del vino, caratteristiche da sempre elemento distintivo degli spumanti Col Vetoraz!  

articoli correlati

Ci lasciamo alle spalle una vendemmia climaticamente complessa, ma che lascia spazio a fiduciose prospettive.'Poiché in genere le situazioni articolate riservano grandi soddisfazioni, dalla vendemmia 2019 Col Vetoraz si attende risultati di rilievo -...
La stagione vendemmiale di Col Vetoraz profuma di eccellenza: diversi sono infatti i fattori che portano a fare previsioni positive sulla qualità dell'uva....
Un territorio da proteggere, conservare e trasmettere alle generazioni future per il patrimonio culturale mondiale di eccezionale valore universale...