Dove il Valdobbiadene
DOCG è Superiore

La terra madre del Valdobbiadene DOCG e del Valdobbiadene Superiore di Cartizze DOCG si adagia tra le colline di Valdobbiadene, le montagne che le sovrastano danno un ampio riparo dai venti di settentrione, e si configurano come un immenso anfiteatro.

La geologia del terreno e le profonde stratificazioni, ricordo di antichi mari scomparsi, sono l’origine di questi vini “gentili”.

La Pedemontana trevigiana ed in particolare le colline che da Valdobbiadene si estendono verso Conegliano, mostrano da secoli nobiltà e vocazione per la coltivazione della vite. La maggior parte sono colline emerse nell’epoca terziaria, formate da calcari argillosi con marne giallo-azzurrognole e arenarie cineree e cerulee. La composizione fisico-chimica di questi terreni è fra le più adatte a trasmettere alle uve carattere e profumi, soprattutto se associata ad una elevata escursione termica diurno - notturna favorita dalla vicina montagna.

“Equilibrio, armonia,
eleganza...”

Il nostro territorio

Dove nasce
il Valdobbiadene DOCG

L’area di produzione del Valdobbiadene - Conegliano interessa 15 comuni della fascia collinare, la vite è coltivata ad altitudine compresa tra i 50 e i 500 metri s.l.m., gli ettari di vigneto coltivati sono circa 8.000 con una produzione media annua che si aggira sui 960 mila quintali d’uva.
All’interno di questa area, nel territorio di S. Pietro di Barbozza, si estende una micro zona di 107 ettari selezionati da cui si produce il Valdobbiadene Superiore di Cartizze. Le molteplici peculiarità chimico-fisiche dei terreni, le esposizioni, le pendenze, le altimetrie e i microclimi determinano le diversità che caratterizzano i vari Valdobbiadene DOCG coltivati in questa fascia collinare.
 

Una terra
preziosa

Valdobbiadene

La parte collinare è costituita da catene parallele di colline che si estendono con direzione Est-Ovest, compresa tra il fiume Piave ad occidente, il fiume Meschio ed il torrente Crevada ad oriente, e divisa in due distretti dal fiume Soligo.

Il distretto occidentale è denominato Mandamento di Valdobbiadene, ed è costituito dalle colline di Valdobbiadene, Combai, Miane, Farra di Soligo, Soligo, Col S. Martino e Vidor. Il distretto orientale è denominato Mandamento di Conegliano ed è costituito dalle colline di Conegliano, Carpesica, Ogliano, Feletto, Refrontolo, Susegana, Solighetto e Pieve di Soligo.

I terreni che formano questi cordoni paralleli di colline, hanno una diversa origine geologica che comprende tre ere:

- era secondaria e precisamente: Cretaceo inferiore, Cretaceo medio, Cretaceo superiore

- era terziaria e precisamente: Miocene, Pliocene, Pontico

- era quaternaria

Come già detto, le formazioni terziarie sono le più importanti.
 

Area
della DOCG

Le colline di Conegliano, S. Pietro di Feletto e Susegana, sono considerate dei fenomeni alluvionali iniziati nel Miocene e proseguiti fino al periodo glaciale. Sono terreni generalmente pesanti in parte ferrettizzati di colore rosso scuro.
Le colline di Vittorio Veneto, Carpesica, Scomigo, Ogliano, e Colle Umberto, sono di origine morenica, di formazione quaternaria. Sono terreni permeabili, profondi, con abbondante scheletro. Le colline che si estendono da Soligo verso Farra di Soligo e Vidor, sono di origine del Pliocene e del Pontico. Sono colline facilmente individuabili per la loro altezza e forte pendenza.

Le colline che da Serravalle si estendono ad occidente verso Cison di Valmarino, fino a S. Pietro di Barbozza, sono costituite da calcari argillosi, marne, arenarie, e mollose del miocene.
Questi sono i terreni con le caratteristiche fisico-chimiche più rinomate.
Le colline che da Valdobbiadene scendono verso Vidor sono molto diverse tra di loro, perché costituite da un alternarsi di depositi morenici, terrazzi alluvionali, e conoidi di deiezione.

Questa è la terra del Valdobbiadene-Conegliano, dove da secoli si producono i profumi, gli aromi e le armonie tipiche di questo vino. Il comprensorio Valdobbiadene-Conegliano con più di 100 aziende spumantistiche è tra i più importanti distretti enologici spumantistici d’Italia e del Mondo.

Ultime News

​Si respira già aria di Natale in Col Vetoraz: l'atmosfera briosa dei brindisi e della convivialità delle festività 2019, vede le nostre bollicine d'eccellenza pronte ad essere indiscusse protagoniste sulle tavole imbandite​Nella gamma dei Valdobbiad...
Ci lasciamo alle spalle una vendemmia climaticamente complessa, ma che lascia spazio a fiduciose prospettive.'Poiché in genere le situazioni articolate riservano grandi soddisfazioni, dalla vendemmia 2019 Col Vetoraz si attende risultati di rilievo -...
La stagione vendemmiale di Col Vetoraz profuma di eccellenza: diversi sono infatti i fattori che portano a fare previsioni positive sulla qualità dell'uva....